Serenoa repens, un rimedio per la prostata

La Serenoa repens è un ingrediente molto noto anche tra i meno esperti per i suoi benefici nei problemi di prostata. Per questo motivo è molto facile ritrovarlo in numerosi integratori prescritti per il benessere delle vie urinarie maschili.

Vediamo perché la Serenoa repens risulta così utile e come funziona.

Cos’è la Serenoa repens

La Serenoa repens è una palma originaria degli Stati Uniti orientali: i suoi frutti, delle bacche di colore scuro, vengono fatti essiccare per produrre le sostanze biologicamente attive che si ritrovano all’interno degli integratori e dei medicinali in commercio.

Indicazioni d’uso

Fin dall’antichità, la Serenoa repens è nota per la sua azione benefica sulle vie urinarie: basti pensare che già gli Indiani d’America la utilizzavano come rimedio ai disturbi urologici.

La Serenoa repens viene generalmente prescritta per prevenire o attenuare:

  • l’iperplasia prostatica benigna
  • dolore pelvico
  • tumore alla prostata
  • squilibri ormonali
  • calo del desiderio
  • problemi del tratto urinario (come le infiammazioni a vescica e testicoli).

Agendo a livello ormonale, la Serenoa repens sembra essere un valido aiuto anche per contrastare la caduta dei capelli.

Serenoa repens: meccanismo d’azione

L’estratto di Serenoa repens è costituito da acidi grassi e fitosteroli che contribuiscono al benessere della prostata grazie ai seguenti meccanismi d’azione:

  • il beta-sitosterolo inibisce la 5-alfa reduttasi, un enzima fondamentale per la trasformazione del testosterone in di-idrotestosterone, responsabile dell’ipertrofia prostatica benigna;
  • gli acidi grassi, in particolare l’acido laurico e miristico, interagiscono col testosterone formando degli esteri, impendendo la trasformazione dell’ormone in di-idrotestosterone;
  • il blocco dei recettori alfa-adrenergici esercita un’azione miorilassante e spasmolitica.
  • l‘inibizione dei mediatori implicati nella proliferazione cellulare e nell’infiammazione riduce la flogosi.

Lo studio

Secondo uno studio condotto dall’Università di Messina e pubblicato dal British Journal of Urology, la Serenoa repens ha dimostrato un’efficacia simile alla tamsulosina e alla finasteride nell’alleviare i sintomi a breve termine, un calo negli svuotamenti della vescica e miglioramenti a livello di IPSS (International Prostate Symptom Score).

Inoltre, durante lo studio si è verificato un lieve calo del volume della prostata e nessun effetto rilevante sul PSA (proprietà molto importante perché i valori del PSA sono correlati al carcinoma prostatico e non devono essere mascherati per non incorrere in errori di diagnosi).

Durante lo studio, la Serenoa repens non ha interferito con la funzionalità sessuale e ha manifestato un buon profilo di sicurezza. Generalmente è ben tollerata, ma può comportare effetti collaterali a livello gastrointestinale come nausea, vomito e diarrea.

Prevenzione prostata da Emicenter

Prima di assumere integratori o medicinali a base di Serenoa repens, è sempre meglio chiedere un parere agli Specialisti Emicenter e sottoporsi periodicamente al check-up di prevenzione prostata disponibile presso le nostre sedi.

AVVISO AI PAZIENTI
Le informazioni contenute in questa pagina sono solo a scopo informativo e non possono assolutamente sostituire il parere del medico.

 333 Visite Totali,  1 Visite di oggi

Condividi questo articolo