• 15 OTT 19
    • 0
    Escherichia Coli, prevenzione e cura

    Escherichia Coli, prevenzione e cura

    L’Escherichia Coli, spesso indicato anche come E.Coli, è un batterio gram negativo piuttosto comune. Può essere causa di infezioni intestinali che a loro volta possono causare dolori addominali crampiformi e diarrea. In realtà non esiste solamente un tipo di Escherichia Coli, ma un’intera famiglia, all’interno della quale solamente un tipo di batterio è dannoso per la salute, mentre gli altri sono innocui. Ma come si cura l’Escherichia Coli? Si può prevenire? Cerchiamo di fare un po’ d’ordine sul tema.

    Come si cura un’infezione da Escherichia Coli?

    L’Escherichia Coli non può causare solamente un’infezione intestinale, ma anche altri disturbi, dal momento che può risalire le vie urinarie. Si potranno dunque avere uretite, cistite, prostatite, pielonefrite, ma anche alcune tipologie di infezioni extra intestinali. Persino la polmonite può essere causata da Escherichia Coli. L’Escherichia Coli si può individuare con un semplice esame delle urine.

    Se l’Escherichia Coli si manifesta sotto forma di infezione gastrointestinale, si somministrano antibiotici per circa una settimana. Tuttavia, in alcuni casi il medico può decidere di prescrivere solamente molto riposo e l’assunzione di molti liquidi al fine di reidratare il corpo.

    E sul fronte prevenzione, invece?

    Per ciò che concerne la prevenzione dell’Escherichia Coli, la regola fondamentale è avere buone abitudini igieniche. Il che si traduce nel lavarsi sempre le mani dopo aver usato i servizi igienici, avere cura della propria igiene personale (specie quella intima), evitare comportamenti promiscui, lavare bene la casa con particolare riferimento al bagno ed alla cucina, non toccare con le mani nude la carne cruda, non entrare in contatto con animali selvatici, non bere acqua corrente da fonti non sicure (laghetti, ecc).

    A livello di alimentazione, invece, si consiglia di lavare molto bene frutta e verdura prima di consumarle, non consumare prodotti non pastorizzati ed evitare se possibile di consumare carne cruda.

    Leave a reply →