• 20 NOV 17
    • 0
    Bambini e diritto alla salute

    Bambini e diritto alla salute

    Il 20 novembre è la Giornata dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. I bambini e gli adolescenti hanno diritto alla salute, al benessere e a un’assistenza socio – sanitaria pediatrica generale e specialistica per tutti, sempre e ovunque, sia in ospedale che sul territorio.

    Il diritto alla salute

    Tutti i neonati, i bambini e gli adolescenti che vivono nel nostro Paese, di ogni cultura ed etnia e indipendentemente dal loro status giuridico, hanno il diritto di:

    1. venire assistiti da personale sanitario, medico e infermieristico, professionale e volontario, specificamente formato per l’assistenza ai soggetti in età evolutiva (Specialisti in Pediatria, Infermieri Pediatrici, Volontari formati per l’assistenza a l bambino) in aree dedicate e in ambienti sicuri, dotati di tutti i supporti strutturali, tecnologici e organizzativi.

    2. Avere accesso a tutti i farmaci e cure efficaci e sicuri, senza limitazioni.

    3. Avere accesso alla promozione della propria salute, non solo come prevenzione delle malattie in età evolutiva, tipicamente attenuata con le vaccinazioni, ma anche come indispensabile premessa di una vita sana nelle età successive con l’acquisizione precoce di stili di vita salutari a partire dall’all attamento al seno.

    4. Vivere in un ambiente libero da fattori di inquinamento che favoriscono fin dalle prime età della vita lo sviluppo di malattie gravi – dalle patologie respiratorie e cardiovascolari ai tumori – non solo in età pediatrica ma ancor più nell’età dell’adulto e dell’anziano.

    5. Essere difesi da situazioni di rischio e di disagio come il maltrattamento e l’uso di sostanze nocive, l’alcool, il fumo di sigaretta, i comportamenti a rischio, favoriti spesso da condizioni famigliari e sociali svantaggiate.

    Un investimento sul futuro

    I bambini rappresentano il nostro futuro, bene particolarmente prezioso in un Paese che ha un tasso di natalità inferiore a 1,5 nati per donna fertile. Un maggiore investimento nei primi anni di vita determina un ritorno sociale ed economico molto più alto della spesa sostenuta. Promuovere e tutelare la salute dei bambini di oggi significa anche ridurre il numero di adulti e anziani malati di domani.

    Fonte: Società Italiana di Pediatria

    Leave a reply →