• 29 AGO 16
    • 0
    Vacanze: tornare contenendo i “traumi”

    Vacanze: tornare contenendo i “traumi”

    Per tanti sono già terminate, per alcuni stanno per concludersi: le vacanze estive sono un periodo in cui i più fortunati riescono a scollegare completamente mente e corpo dalla routine quotidiana lavorativa o di studio, o comunque a trovare un periodo di relax in cui alleggerire pensieri e preoccupazioni. Più è lungo il periodo di pausa, più i traumi da rientro si fanno sentire.
    Gli inglesi la chiamano post-vacation blues ed è caratterizzata da un senso di tristezza, stordimento, spesso apatia e calo dell’attenzione.

    Ecco i principali traumi da rientro e le possibili soluzioni per superarli:

    Luoghi chiusi e staticità
    Le settimane trascorse al mare, in montagna, o in qualche città d’arte ci hanno dato la possibilità di trascorrere tanto tempo all’aperto. Tempo in cui anche i meno attivi hanno camminato, nuotato o comunque passato del tempo in più rispetto alla norma lontano dalla sedia o dal divano. Il ritorno in ufficio o alla scrivania crea inevitabilmente uno stato di malessere dovuto a luoghi chiusi, luci al neon e schermo del pc, causando spesso mal di testa e fiacchezza.
    Il corpo non è più abituato ed è necessario riprendere i soliti ritmi gradualmente.

    stretching ufficioSe siete in ufficio cercate di muovervi il più possibile: alzate le gambe, fate stretching, cercate di muovere ogni muscolo e articolazione alzandovi in piedi quando possibile. Approfittate di qualche pausa per prendere una boccata d’aria fresca.
    Solitamente il tempo per tornare operativi varia dalle 24 alle 48 ore.

     

    Una volta fatto il vostro dovere, approfittate per passare un’ora all’aria aperta per comunicare ai vostri muscoli che non vi siete completamente dimenticati di loro, fate una bella camminata veloce o una corsetta per riprendere il ritmo gradualmente.

    Ricalibrare l’organismo
    L’estate a volte, anche a causa del Jet Lag se ci si è spostati fuori fuso, ci porta a vivere con ritmi diversi, dormire di meno, consumare più alcolici e mangiare piatti più pesanti con quantità fuori controllo. Grazie anche agli aperitivi quotidiani al ritorno delle vacanze avremo guadagnato mediamente 2-3 kg in più, senso di bruciore e pesantezza.
    Per riprendere la routine è utile un periodo di “disintossicazione”.

    aliementazione sanaEvitate per un po’ alcolici (specialmente superalcolici), abuso di caffè e piatti pesanti in generale (fritti, piccante, ecc.). Tenersi leggeri non sarà facile se si è abituati a ingerire tante calorie ad ogni pasto; per questo è meglio scegliere cibi sani con elevate proprietà nutrizionali e poche calorie, per avere un senso di sazietà senza eccedere.

     

    Cercate di riprendere i ritmi giusti anche per quanto riguarda le ore di sonno, l’attività fisica può dare una mano ma solo se non viene svolta poco prima di andare a dormire.

    Abbronzatura e cellule morte
    l panico dell’abbronzatura che se ne va è un grande classico.
    Per cercare di evitare o ridurre questa naturale conseguenza del post vacanza è importante:

    • Ricordarsi di idratare la pelle, preferendo prodotti naturali senza siliconi, parabeni, ecc. per far respirare la cute;
    • Scrub: non è il nome di una serie televisiva, è un ottimo modo per eliminare le vostre cellule morte. Esistono prodotti appositi o guanti esfolianti;
    • Altro sole: non essere più in vacanza non significa che non ci siano più weekend.

     

    Ultimo consiglio, per reagire nel migliore dei modi e superare il trauma da rientro, è di cercare di recuperare i legami con le abitudini e le persone che fanno parte della nostra vita, riscoprendo man mano il piacere della quotidianità.

    Leave a reply →