• 12 GIU 17
    • 0
    Vaccini: arriva il numero verde del Ministero della Salute

    Vaccini: arriva il numero verde del Ministero della Salute

    Da oggi, 14 giugno, il Ministero alla Salute ha attivato un numero “di pubblica utilità”, il 1500, con esperti che risponderanno ai dubbi dei genitori riguardo al nuovo decreto legge sulle vaccinazioni obbligatorie per frequentare la scuola. Il numero sarà attivo dalle 10 alle 16 dal lunedì al venerdì. Il servizio viene annunciato nella circolare inviata dal Ministero a tutte le Regioni e al Governo, oltre che all’Aifa, agenzia del farmaco, e all’Istituto superiore di sanità.

    Il nuovo decreto vaccini

    Il decreto legge è stato firmato dal presidente della Repubblica mercoledì scorso ed è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale la sera stessa. Da lunedì andrà in Parlamento per essere convertito. Intanto è in vigore. Nella circolare si ripercorrono i passaggi più significativi della nuova norma e si citano anche alcune iniziative di comunicazione.

    Prevenzione e formazione

    educazione-vacciniOltre al numero di telefono, è già stato fatto un accordo con il Miur per fare, a partire dall’anno scolastico 2017-2018, “iniziative di formazione del personale docente ed educativo, delle studentesse e degli studenti sui temi della prevenzione sanitari e in particolare delle vaccinazioni, anche con il coinvolgimento delle associazioni dei genitori”. Da una parte c’è l’esigenza di spiegare tecnicamente un decreto complesso, che richiede una serie di adempimenti a famiglie, scuole e Asl, e dall’altra c’è anche l’intenzione di far capire l’importanza della legge dal punto di vista sanitario.

    Obbligatorietà e gratuità delle vaccinazioni

    Nell’introduzione della circolare si ricorda come “in passato, l’obbligatorietà e la gratuità delle vaccinazioni hanno rappresentato uno strumento per garantire uniformità di offerta alla popolazione, al fine di evitare, per quanto possibile, situazioni di disparità nell’accesso ai servizi e agli interventi di tipo preventivo, in attuazione dei principi di precauzione e universalità di accesso ai servizi sanitari”.

    Morbillo e rosolia sotto osservazione

    Dal ministero, il direttore dell’Ufficio prevenzione delle malattie trasmissibili e profilassi internazionale, Ranieri Guerra, sottolinea come in Italia ci sono “dati particolarmente preoccupanti di copertura per morbillo e rosolia che hanno perso addirittura 5 punti percentuali tra il 2013 e il 2015, passando da 90,4 a 85,3%”. Nel 2016 c’è stato un recupero (fino all’87%) che comunque non è considerato sufficiente.

    Fonte: repubblica.it

    Leave a reply →