• 16 NOV 16
    • 0
    Il computer di nonna

    Il computer di nonna

    Vorreste una nonna che ha facebook, carica foto, tagga, usa whatsapp, usa il pc, fa acquisti su internet, compila documenti, scarica moduli, fa pratiche burocratiche online, prenota voli e hotel su internet, consulta tripadvisor, invia foto e video tramite whatsapp, scarica app?

    E invece vi chiama papà:

    gap generazionale tecnologia

     

    Social media, email, videochiamate e chat: sempre più anziani ne fanno uso, a tutto beneficio della loro salute fisica e mentale. A dimostrare come il digital divide, ovvero il gap generazionale nell’utilizzo delle tecnologie digitali, sia ormai un mito del passato è uno studio pubblicato sulla rivista CyberPsychology, Behavior e Social Networking. Dalla ricerca emerge, inoltre, come il social networking sia un efficace antidoto contro la solitudine e i mali che ne derivano.

     

    Utilizzando i dati di un campione rappresentativo della popolazione statunitense costituito da 591 anziani (età media 68 anni), i ricercatori della Michigan State University hanno esaminato i vantaggi dell’uso di strumenti come email, Facebook e Twitter, Skype e chat. Più del 95 per cento dei partecipanti ha detto di essere “abbastanza” o “molto” soddisfatto del rapporto con la tecnologia e il 72 per cento si è detto favorevole a imparare nuove tecnologie.

    tecnologia e tradizioneLe conseguenze di questa diffusione del social networking nella popolazione senior, a lungo andare, si traducono in un vantaggio per la salute mentale e fisica: la solitudine diminuisce, aumenta la soddisfazione e l’autostima, si riducono i sintomi depressivi, con effetti benefici anche su patologie croniche come ipertensione e diabete. “Avere stretti rapporti con altre persone influisce sulla salute fisica e la tecnologia social aiuta a coltivare relazioni di successo”, commenta l’autore principale, William Chopik, assistente professore di psicologia.

    Fonte: ANSA Salute e benessere

    Fumetti:  www.zerocalcare.it/2013/02/18/i-vecchi-che-usano-il-pc/

    Leave a reply →